Monthly Archives: novembre 2013

Aperto lo sportello demenze al Centro Anziani Insieme

Published by:

SPINEA 24.11.2013 – Portiamo a conoscenza dell’iniziativa dello Sportello Demenze che si trova presso il “Centro anziani insieme” in via Cici, 25 e che è aperto il secondo lunedì del mese dalle 18.30 alle 20.30 e il quarto lunedì dalle 9.30 alle 11.30. Telefono 041.5413625. Organizzato da un gruppo di familiari di persone malate di demenza, che, preparate, offrono aiuto, sostegno e ascolto.

Conclusi i lavori del completamento del sagrato della chiesa parrocchiale

Published by:

SPINEA 24.11.2013 – Si sono conclusi i lavori del completamento del sagrato della chiesa parrocchiale e della recinzione nuova dell’Oratorio. Possiamo così ammirare la bellezza della nostra Chiesa, segno storico della fede dei nostri padri da mantenere viva anche oggi sia nella cura delle strutture sia nella testimonianza di fede e carità e speranza. Tra poco concluderemo i lavori della nuova entrata dell’oratorio Giovanni Paolo II.

Messe in suffragio 25 – 30 novembre 2013

Published by:

GIORNO ORA SS. MESSE IN SUFFRAGIO
Lunedì25 novembre

S. Caterina d’Al.

18.30 No S. Messa al mattinoFaraon Michele / Erminia e Bruno / Spolaor Lina / Stevanato Franco.
Martedì26 novembre

S. Corrado V.

18.30 No S. Messa al mattinoZanetti Giuseppe / Povoli Riccardo / Zamengo Federica / Anime del Purgatorio / Vittime del tornado Filippine / Tasso Milena / Alvise e Maria Franceschin.
Mercoledì27 novembre

S. Virgilio

18.30 No S. Messa al mattinoIvo, Ivano, Angelo, Gino, Emida, Caterina, Loredana, Giulio, Franco, Aldo, Ermo / Fausto, Gianni e Romano.
Giovedì28 novembre

S. Giacomo Fr.

18.30 No S. Messa al mattinoDeff. Fam. Franco / Casarin Milena / Da Ros Aurora, Chies Guido.
Venerdì29 novembre

S. Saturnino M.

18.30 Zecchinato Giannina, Antonio e Maria / Poletto Emanuela / Garbin Carlo / Berton Bruno e Ada / Boato Gianfranco.
Sabato30 novembre

S. Andrea Apostolo

8.30 Anime del Purgatorio.

Avvisi dal 24 novembre al 1 dicembre 2013

Published by:

–  Domenica 24 novembre: alle ore 9.00: Ritiro dei ragazzi di 3ª media della Cresima e loro genitori.

–  Oggi Giornata del Seminario diocesano. Preghiamo per le vocazioni al Sacerdozio, e offriamo le nostre sofferenze per i giovani che vi si preparano e aiutiamo con la nostra Carità.

–  Sospese le Sante Messe delle 8.30 da lunedì 25 a giovedì 28 novembre.

–  Lunedì 25 novembre: Dalle ore 17.30 alle 18.30: Adorazione Eucaristica e Santa Messa.

–  Da lunedì 25 a giovedì 28 novembre: pellegrinaggio parrocchiale a Roma e ad Assisi per concludere in bellezza l’anno della fede voluto da Benedetto XVI. Pregheremo per tutta la Comunità e parteciperemo all’udienza di Papa Francesco.

–  Sabato 30 novembre ore 16.00 incontro genitori e padrini del battesimo del 8 e 26 dicembre

–  Alle 17.00: incontro genitori dei ragazzi di 5ª elementare in Oratorio.

–  Sabato sera: a Treviso, San Nicolò: Veglia dei giovani col Vescovo.

–  Domenica 1 dicembre: raccolta di aiuti economici per le popolazioni delle Filippine colpite dal tifone nei giorni scorsi.

–  Alle 9.00: Ritiro dei ragazzi e genitori di 2ª media e conclusione con la Messa delle 11.30.

–  Alle 15.30: pellegrinaggio vicariale al Santuario di Robegano, iniziamo bene l’Avvento con la protezione della Vergine Santissima.

–  Lunedì 2 dicembre: alle 20.45: incontro generale delle catechiste parrocchiali.

–  Mercoledì 4 dicembre: Dalle ore 14.45 alle ore 18.30 ca.: Uscita ragazzi di terza Media in preparazione alla Cresima a SARMEOLA.

–  Il catechismo al Centro per i fanciulli di 2ª elementare è alle 16.40, e si invita ad arrivare a quest’ora per evitare “intasamenti” con altri gruppi.

–  In questo mese di dicembre noi sacerdoti faremo visita ai malati ed anziani infermi in casa ed impossibilitati a muoversi per la confessione e la Comunione di Natale. Se altre persone ci fossero di cui non sappiamo si prega di avvertire in canonica.

Così se ci sono persone in ospedale per un periodo oltre i 10 giorni, e desiderano la visita di noi sacerdoti, siete pregati di avvertire in canonica o noi stessi.

Il Seminario diocesano luogo familiare della crescita dei nostri futuri preti

Published by:

SPINEA 24.11.2013 – Celebriamo la festa di “Cristo Re dell’Universo” che segna la fine dell’anno liturgico. In questa solennità la nostra Diocesi ha scelto di vivere la giornata del Seminario.

Di cosa si tratta? Vi racconto la mia esperienza…

Da alcuni anni mi trovo a stretto contatto con il Seminario, dove ho vissuto e continuo a vivere un’intensa esperienza formativa. L’ho scoperto come luogo a servizio dei chiamati, ma anche a servizio dell’intera Chiesa Diocesana. Infatti, attraverso di esso, la Chiesa si preoccupa di preparare alcune persone, i seminaristi, perché possano vivere il loro servizio in una particolare via: quella del sacerdozio. Questa vocazione è una delle possibili strade in cui seguire il Signore per essere uomini veri, uomini sempre, persone felici. Incamminandomi in questa via ho scoperto che c’è Qualcuno che si prende sempre cura di me e mi chiede solo di fidarmi… ho dovuto cioè imparare ad arrendermi ad una voce Altra, ad un progetto che inizialmente non era il mio ma che mi affascinava e mi chiedeva fiduciosa disponibilità. Ho imparato così a sentire il Seminario come una “grande famiglia” accogliente, premurosa, attenta e interessata alla mia vita e alla vita della Chiesa… Una famiglia pronta a prendere sul serio le mie domande, i miei dubbi, la mia esistenza… pronta, cioè, a cercare nella mia storia i segni di quel progetto che il Signore ha da sempre sulla mia vita.

Ecco allora il senso di questa giornata: far si che ogni cristiano della nostra Diocesi possa affezionarsi un po’ di più a questa famiglia tanto importante per la vita e per il futuro delle nostre comunità. Importante perché svolge verso di esse un servizio, accogliendo coloro che vogliono essere guidati alla ricerca della Volontà del Signore nella loro vita. Ma non solo… il Seminario serve le comunità parrocchiali impegnandosi a formare pastori secondo il cuore di Gesù perché possano annunciare fedelmente la Parola di Dio e spezzare il pane per i fratelli. Affezioniamoci, dunque, a questo “cuore pulsante” sostenendolo con la nostra amicizia, con sguardo di benevolenza, con preghiere e con aiuti concreti (vive della nostra carità) perché possa rimanere, attraverso i suoi frutti, segno della cura e benevolenza del nostro Dio.

Filippo